orologio

benvenuto

benvenuto

Lettori fissi

contatore visite

Visualizzazioni totali

Siate amici di voi stessi in primis e non ve ne pentirete!

Chi è amico di se stesso non sarà mai solo..
Chi capirà che in questo mondo essere liberi significa manifestare i propri stati d'animo senza vergogne..
Apparite per quello che siete e lasciate agli stupidi il concetto di bella figura...
Non cambiate nulla..siate voi stessi!
Non reprimetevi mi raccomando..
C.Anzalone

lunedì 31 gennaio 2011

Mucca Pazza: Coldiretti, Caso Trapani Eredita' Passato. Carne Sicura

(ASCA) - Roma, 31 gen - Se confermato e' una eredita' del lontano passato facilmente prevedibile, per i lunghi tempi di incubazione della malattia, che non ha nulla a che fare con il consumo della carne italiana che e' del tutto sicuro grazie ad un rigido sistema di controlli introdotto con successo nel 2001 per far fronte all'emergenza Bse. E' quanto afferma la Coldiretti in riferimento al caso probabile di variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob il cosiddetto morbo della ''mucca pazza'' che riguarda la morte di una casalinga di 58 anni deceduta sabato scorso a Castelvetrano in provincia d Trapani. La Bse e' praticamente scomparsa da anni dagli allevamenti italiani per l'efficacia delle misure adottate per far fronte all'emergenza come - sottolinea la Coldiretti - il monitoraggio di tutti gli animali macellati sopra i 30 mesi, il divieto dell'uso delle farine animali nell'alimentazione del bestiame e l'eliminazione degli organi a rischio Bse dalla catena alimentare. Ma anche e soprattutto l'introduzione a partire dal primo gennaio 2002 di un sistema obbligatorio di etichettatura che consente di conoscere l'origine della carne acquistata con riferimento agli Stati di nascita, di ingrasso, di macellazione e di sezionamento, nonche' un codice di identificazione che rappresenta una vera e propria carta d'identita' del bestiame e consente di fare acquisti Made in Italy. A dimostrare che nei bovini la malattia della mucca pazza e' ormai quasi completamente debellata sono - conclude la Coldiretti - i numeri forniti dalla Commissione Ue: nell'U nione Europea dai 37.000 animali ammalati del 1992 si e' passati, nel 2009 a soli 67, dei quali appena due casi in Italia su oltre 450mila test effettuati.

M.O.: Israele ingaggia societa' Pr europee per migliorare immagine

Articoli correlati


Gerusalemme, 31 gen. - (Adnkronos) - Con una iniziativa senza precedenti, il ministro israeliano degli Esteri Avigdor Lieberman ha deciso di ingaggiare una serie di societa' europee di pubbliche relazioni per migliorare l'immagine dello stato ebraico. La campagna, riferisce il sito Ynet News, e' rivolta anche all'Italia, oltre che a Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Danimarca, Svezia, Norvegia e Repubblica Ceca, e costera' 12 milioni di shekel l'anno (circa 2,38 milioni di euro).

Somalia: 17 morti in sparatoria tra militari a Mogadiscio

Mogadiscio, 31 gen. - (Adnkronos/Aki) - E' di almeno 17 morti e piu' di cinquanta feriti il bilancio della sparatoria avvenuta oggi a Mogadiscio in seno alle stesse forze di sicurezza. Lo riferiscono fonti ospedaliere. "In ospedale sono arrivati circa 56 feriti, e 12 corpi senza vita, altri cinque sono morti successivamente per le ferite riportate" spiega Mohamed Yusuf, direttore dell'ospedale Madina hospital a sud di Mogadiscio.

Ultim'ora

Rifiuti: Termovalorizzatore Salerno, Due Aziende Rispondono a Bando
(ASCA) - Napoli, 31 gen - Sono due le aziende che hanno risposto al bando per la realizzazione del termovalorizzatore di Salerno. Si tratta della DANECO IMPIANTI SRL IN ATI CON ACMAR SCPA E RCMR COSTRUZIONI SRL e della DE VIZIA TRASFER SPA IN ATI CON LOMBARDI SRL. Lo riferisce l'Assessore della Provincian di Salerno Marcello Feola. ''E' un risultato piu' che positivo, se si considera l'entita' della cifra da investire e le specifiche tecniche imposte dal bando'' il commento di Feola che definisce ''incalzante'' l'azione dell'Amministrazione provinciale rispetto alla realizzazione dell'impianto di Salerno (che sarebbe il secondo della Campania dopo quello di Acerra, nel napoletano) e annuncia: ''Proprio oggi la Giunta ha deliberato l'incompatibilita' con gli strumenti di pianificazione e programmazione sovracomunali della variante urbanistica sull'area di Cupa Siglia, disposta dal Comune di Salerno''. Nella seduta odierna, inoltre, la Giunta ha proceduto a deliberare un atto di indirizzo per la nomina della Commissione di gara per l'aggiudicazione della concessione relativa alla realizzazione dell'impianto di termovalorizzazione. La commissione aggiudicatrice della concessione sara' composta da tecnici qualificati rappresentanti l'Amministrazione provinciale, il Comune di Salerno, la Regione Campania e la Prefettura di Salerno. ''Nonostante la legge ci consentirebbe di procedere ad una commissione composta solo da tecnici interni all'Ente - conclude Feola - la Giunta provinciale ha deciso di estendere ad altri enti la partecipazione, secondo il criterio della cooperazione. Abbiamo considerato l'area di localizzazione dell'impianto (Comune di Salerno), vagliato la titolarita' delle competenze in materia (Regione Campania) e valutato anche l'oggettiva esigenza di assicurare elevati ed aggiuntivi standard di legalita' per lo svolgimento della gara, ritenendo opportuno di stabilire che nella commissione di valutazione sia rappresentata, la Prefettura - Ufficio territoriale di Salerno, rappresentante territoriale dello Stato''.

p.a.: Anaao a Brunetta, Sistema Certificati Online Non e' a Regime

da 22 minuti
Asca

Articoli correlati

Forum: Renato Brunetta
(ASCA) - Roma, 31 gen - ''L'apprezzamento del Ministro Brunetta 'per l'impegno, l'abnegazione e l'atteggiamento costruttivo' dimostrati dai medici italiani in questi mesi relativamente alla procedura di trasmissione online dei certificati di malattia dei dipendenti pubblici e privati e' un passo avanti rispetto agli epiteti di alcuni mesi or sono.Ma non puo' bastare per mistificare la realta'''. Lo afferma il Segretario Nazionale Anaao Assomed, Costantino Troise, che risponde cosi' al ministro: ''Il sistema non e' a regime. Non solo perche' quasi 4 milioni di documenti inviati non devono fare dimenticare che e' superiore a 50 milioni il numero di certificati di malattia che ogni anno i lavoratori dipendenti (pubblici e privati) inviano ai propri datori di lavoro; non solo perche' continuano a mancare i supporti informatici ed amministrativi necessari; non solo perche' l'invio avviene con notevoli differenze in un Paese che pure si appresta a festeggiare i 150 anni di unita', ma anche perche' sono emersi veri e propri effetti collaterali che stanno portando al collasso il sistema delle emergenze ed urgenze. Favorendone l'uso opportunistico a scapito dell'appropriatezza, valore essenziale della sanita' moderna, senza illusioni sullo snellimento e la velocizzazione delle procedure che, anzi, rischiano di allungarsi a scapito delle attese''. ''Appare stridere con questa realta' - prosegue Torise - l'ostinazione, degna di miglior causa, con la quale il Ministro continua a rifiutare un incontro con tutte le diverse parti coinvolte in questo processo e l'arroganza nel non prendere atto della inapplicabilita' di una norma che pretende di mantenere in piedi un impianto sanzionatorio in un contesto dove palesi sono i fattori ostativi. L'Anaao Assomed denuncia questo ennesimo segnale di indifferenza e di vessazione del Governo e del suo Ministro nei confronti della fatica e dell'abnegazione con le quali i medici dipendenti continuano a tutelare, ogni giorno e ogni notte, un bene costituzionalmente garantito e si riserva di proclamare lo stato di agitazione a sostegno della dignita', dell'autonomia e della responsabilita' professionale della categoria''.

Fisco, Gdf: in 2010 circa 50 mld redditi non dichiarati (+46%) 

Al 31 dicembre scorso, i redditi non dichiarati al fisco scoperti dalla Guardia di Finanza ammontavano a 49,245 miliardi di euro (+46% sul 2009). Continua a leggere questa notizia

Articoli correlati


Lo rende noto una nota della Gdf.
In particolare 20,263 miliardi (+ 47% rispetto al 2009) sono quelli occultati dagli 8.850 evasori totali identificati (+18%), cioè soggetti che pur svolgendo attività economiche non avevano mai presentato le dichiarazioni dei redditi; 10,533 miliardi individuati dai casi di evasione fiscale internazionale (a fronte dei 5,8 miliardi del 2009), posti in essere mediante esterovestizioni della residenza di persone fisiche e società, triangolazioni con Paesi off-shore ed omesse dichiarazioni di capitali detenuti all'estero.
I casi di evasione fiscale internazionale scoperti sono risultati principalmente concentrati in Lussemburgo per il 26%, in Svizzera per il 25%, nel Regno Unito 7%, a Panama per il 6%, a San Marino e nel Liechtenstein per il 2% ciascuno, mentre la restante quota è distribuita fra gran parte degli altri 54 paradisi fiscali della black list italiana.
Nel periodo 2008-2010 la percentuale di recepimento dei rilievi della Guardia di Finanza in sede di accertamento si attesta ad oltre il 93% con importi che ammontano, complessivamente, a circa 26 miliardi di imposta accertata fra imposte dirette, Iva, Irap e ritenute.

Ultim'ora


Greggio, timori Egitto portano Brent fino a 100 dollari

Articoli correlati


Con una puntata a 100,05 dollari il barile sugli schermi Reuters, il futures marzo vola al record degli ultimi 28 mesi.
Un clima di forte instabilità politica sul fronte mediorientale quale si vede negli scontri degli ultimi giorni al Cairo ha l'effetto di surriscaldare i prezzi del greggio.

Ultim'ora


Bersani boccia proposta Berlusconi su crescita: "Si dimetta" 

Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani ha risposto oggi alla proposta di Silvio Berlusconi di un "piano bipartisan per la crescita" dicendo che il premier non è credibile e si deve dimettere. Continua a leggere questa notizia

Articoli correlati


"Berlusconi faccia un passo indietro e tolga dall'imbarazzo se stesso e il Paese", ha detto Bersani a margine della presentazione di un libro a Roma.
"Per rivolgersi credibilmente all'opposizione Berlusconi dovrebbe potersi rivolgere credibilmente al Paese e alla comunità internazionale. Così non è".
"Noi, nel ruolo che abbiamo, siamo pronti a prenderci le nostre responsabilità ma lui deve fare un passo indietro e togliere dall'imbarazzo se stesso e togliere dall'imbarazzo e dalla paralisi il Paese", ha concluso il leade del più grande partito di opposizione.

Sud, Berlusconi: a prossimo Cdm piano defiscalizzazione

Articoli correlati


E' quanto si legge in una nota diffusa dagli uffici di Berlusconi.
Nell'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri di venerdì prossimo, dice la dichiarazione, "si aggiungerà un piano di immediata defiscalizzazione e deregolamentazione per la rinascita del Mezzogiorno, per il quale si stanno approntando da mesi gli strumenti operativi".
In merito alla previsione di riforma dell'articolo 41 della costituzione Berlusconi dice "iscriverò all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri la proposta di riforma costituzionale in senso liberalizzatore dell'articolo 41, già definita dal ministro dell'Economia: in sei mesi dobbiamo arrivare a stabilire che è lecito intraprendere e fare tutto quello che non è espressamente vietato dalla legge".

domenica 30 gennaio 2011

8-Year-Old Guitar Prodigy Stuns Audiences

i miei disegni







Ho ancora la voglia di andare avanti con i miei discorsi pittorici malgrado i rimproveri e la perfezione che la gente vorrebbe da me.
Non è colpa mia, se questo mondo diventa sempre più paranoico, e nemmeno dei giovani e di tante proibizioni che fanno di queste società un delirio!
Non sto dicendo andatevi ad ammazzare ma neanche state chiusi e soffrite.
Quanti ragazzi dimostrano quello che sentono e noi pensiamo che loro abbiano talento e devono perfezionarsi..accogliete il messaggio non perfezionatelo a vostro piacimento!

E' più perfetta una cosa imperfetta che una cosa precisa!
In questi disegni, mi occupo ad essere me stesso come sempre ,e non mi importa del giudizio altrui, per farmi prendere in giro da chi ha paura che gli freghi il posto,non me ne può fregar di meno del posto degli altri, io voglio il mio e me lo tengo!
Io pubblico nel mio blog la mia arte e so di non essere un Michelangelo ma sono Carmelo!

Tutti siamo artisti;capisco che non sempre si può apparire in una scatola ma la cosa più bella è non pensarla come dei robot tutti con lo stesso programma.
Penso solo, che bisogna amare quello che si fa, e non volere mai imporre a nessuno la propria idea,anche se in questo mondo è pittosto difficile,visto che ci hanno insegnato ,che quando una cosa è quella e bisogna pensarla tutti alla stessa maniera - mai pensare in modo diverso se no saresti un pazzo scatenato, per una società programmata da gossip e moda o chiacchiere tra uomini e donne e amici o incasati pronti ad uscire quando lo diranno loro

I miei dipinti, sono un invito a non morire tacendo senza farsi mettere i piedi in testa o copiando gli altri,arrischiando che l'anima muoia sempre un po'  di più ogni giorno che passa e ogni secondo senza rendersi conto di nulla.
L'arte va amata sotto tutti i punti di vista,perché non è una partita di calcio che la squadra e quella e basta e le altre fanno schifo!

Però c'èda dire che l'insegnamento ci vuole se no come fai?Altri sono natipredisposti per certe cose e fanno meno fatica e così via..civuole sempre la farina del proprio sacco.

C.Anzalone 30.1.2011


Cercami - Renato Zero


Intanto che penso, guardo la neve scendere giù dalla finestra.
Sono dei momenti questi,dove osservo e lascio tutto alle spalle:la citta,il caos,lasciando fare alla natura.
I colori sono stupendi anche se una persona normale di tutti i gorni la vedrebbe in maniera diversa.
Il bianco non è mai troppo bianco,quelo della neve ma, ci sono un sacco di sfumature ,che sembrano danzare tra loro in maniera suggestionante.
Stonotando il grigio sposarsi con un gioco sottile di azzurrino giusto una goccia per dare spendore a questo gioco fantastico spettacolo.
Intanto sono qui a godendomi questo relax..insieme ai miei sogni da ragazzino.
  C.Anzalone 29.1.2011
Minetti e le altre, mignottocrazia vista dall’interno. Nel segno di Mara Carfagna
Per Nicole Minetti l’esempio politico è Mara Carfagna. Entrambe ballerine con un passato nelle trasmissioni Mediaset, entrambe lanciate da Silvio Berlusconi nel Pdl. Minetti, igienista dentale oggi consigliere regionale, pensa al suo futuro al parlamento italiano. Gliel’ha promesso il premier, come aveva promesso l’elezione alle prossime comunali di Milano a Barbara Faggioli. Le due sono amiche, parlano frequentemente e in una delle conversazioni intercettate si confrontano sul loro futuro.

La telefonata è del 20 agosto 2010, quando Ruby era ancora una marocchina sconosciuta e il bunga bunga era noto solo a chi vi partecipava. Politicamente il problema era rappresentato dall’addio di Gianfranco Fini al Pdl e dalla denuncia dei Radicali contro le firme false presentate per le liste di Roberto Formigoni. Nicole Minetti e Barbara Faggioli potevano ancora credere nelle promesse che “papi” aveva loro fatto. Così parlano liberamente di futuro e speranze.

Parlando di politica la Minetti dice di essere fortunata perché ha fatto un po’ di gavetta. Faggioli sembra poco convinta e l’igienista dentale ribatte: “Non pensare che Mara ne abbia fatta tanta di più”. Al ché l’altra risponde: “Ma stai scherzando? Prima di diventare ministro è stata un anno in Parlamento”. Insomma, Carfagna ha una grande esperienza romana. Prosegue Faggioli: “Non è una questione di gavetta o meno, te l’assicuro. Io, in questi giorni che son stata con lui, anche al telefono a Giancarlo (l’onorevole Serafini, ndr) ‘mi raccomando seguimele tu; seguimele tu perché lei e la Ncole le voglio portare lì’”. E’ lecito dunque fare progetti e la valletta di Canale 5 è informata. “Le regionali sono tra cinque anni, e non penso che ho la voglia di aspettare”, dice. “A trent’anni. No, no. Le parlamentari (elezioni politiche, ndr) o son tra due anni e mezzo o sono adesso o sono di nuovo tra cinque anni per me; quindi io devo sperare di entrare adesso o tra due anni, senno devo proprio cambiare strada”. Anche perché il posto in Consiglio comunale che Berlusconi le ha garantito non è il massimo per Faggioli, lei punta più in alto. “Che cazzo faccio sto in Comune per altri cinque anni? A guadagnare 600 euro”. Meglio il parlamento in effetti.

Ma la politica a Minetti non interessa. Non vuole andare a Roma. “Io sto troppo bene a Milano, me ne sto lì dove sono (al consiglio regionale della Lombardia, ndr), sto da Dio”. A Roma “alla fine guadagnerei uguale, perché guadagni duemila euro in più, chi se ne frega per duemila euro”.

Eppure l’ex valletta Mediaset ai giornali dice di essere “innamorata della politica”. In un’intervista pubblicata da Il Giorno il 24 ottobre 2010, due giorni prima delle notizie sul caso Ruby, Minetti definiva il suo primo impatto con il mondo dei Palazzi “bellissimo, mi piace la politica, la trovo appassionante”. E’ un lavoro impegnativo “ci sono tanti argomenti da trattare e bisogna essere sempre aggiornati, studiare e ancora studiare”. Ancora: “Ogni giorno c’è qualche difficoltà da affrontare, testa bassa e grande impegno”. L’intervista, con altre di simile tenore, è pubblicata nella rassegna stampa del sito www.nicoleminetti.it aggiornato fino al 24 novembre. Perché da allora i giornali riportano articoli che raccontavano tutta un’altra Minetti. Emergono i rapporti con le persone che hanno partecipato alle serate ad Arcore, il suo interessamento per la gestione degli appartamenti di via Olgettina 65, Milano 2, per conto delle ragazze del bunga bunga, il suo impegno costante per il pagamento di fatture, cure mediche e bollette varie delle giovani ospiti del premier attraverso il tesoriere di fiducia del Cavaliere, Giuseppe Spinelli.

Minetti, nonostante lo scandalo che la vede protagonista della vicenda, finge disinvoltura. Si presenta alle sedute del consiglio Regionale e a quelle delle commissioni di cui fa parte. Concorda poche interviste nelle quali cerca di difendersi ma al telefono si sfoga. Si sente abbandonata da Berlusconi e ammette: “Lui pensa di avermi messa lì (in Regione, ndr) e di avermi fatto contenta che a me non me ne fotte un cazzo”. Lo fa parlando con Clotilde Strada, l’assistente cui il premier ha affidato Minetti dal momento in cui è entrata in consiglio regionale.

Strada è la segretaria storica di Serafini, da oltre venti anni è nel partito. Prima in Forza Italia poi nel Pdl, seguendo da vicino sin dalla nascita il cuore del movimento di Berlusconi: la Lombardia. Clotilde Strada sa e conosce tutto e tutti. Per questo le è stato affidato il compito di “guidare” Minetti. Le organizza l’agenda, le ricorda impegni e doveri, le pianifica le interviste. E quando a gennaio riesplode il caso Ruby l’igienista dentale si scopre abbandonata dal premier. Se ne lamenta con Clotilde l’11 gennaio 2011. “Io sono allibita, a lui non gliene frega niente, io ho capito questo; per la prima volta ho realizzato che lui non mi ha dato quel ruolo perché pensava che io fossi idonea e adatta, mi ha dato quel ruolo perché il quel momento è la prima cosa che gli è venuta in mente e se non ci fossi stata io ma ci fosse stata un’altra, l’avrebbe dato a un’altra”. Ma ciò di cui maggiormente si lamenta è la mancanza di un sostegno da parte del premier.

“A lui non glielo dico che lo faccio, se mi fanno una domanda su Silvio Berlusconi ti assicuro che rispondo come cazzo mi pare a sta volta… lo scrivo…. ‘avrebbe potuto spezza una lancia in mio favore’ o la capisce o non la capisce, non me ne frega niente se si incazza, non me ne frega niente ci credi che non me ne frega niente? Lo dico, dico ‘l’unica cosa che mi dispiace è che lui non abbia…. non mi abbia difeso a sufficienza”. Dopo una settimana dall’intercettazione il premier decide di intervenire in difesa della Minetti. Fa dimettere il coordinatore regionale, Guido Podestà, perché non si è schierato con forza al fianco dell’igienista dentale, invita i suoi fedelissimi a esprimersi contro la procura e a favore della consigliera e telefona a Gad Lerner per prendere le parti dell’ex ballerina di Mediaset.

Un intervento necessario, perché Minetti aveva espresso tutta la sua rabbia a Clotilde. Raccontandole di non aver querelato per diffamazione Paolo Guzzanti, per il capitolo che le ha dedicato nel libro “Mignottocrazia”, perché “non volevo incrinare il rapporto in un momento in cui la maggioranza è in bilico… pensa che scema che sono”. Minetti è convinta di “aver parato il culo” a Berlusconi e non aver ricevuto neanche un grazie. Ma sì sa che il premier ha i suoi modi per sdebitarsi.
Vince le elezioni ma è condannato,
cacciato Consiglio regionale
Pietro Diodato nel 2001 partecipa ai tafferugli con la polizia davanti a un collegio elettorale di Pianura e viene condannato a un anno e sei mesi in via definitiva. Ma nel 2010, dopo una campagna elettorale fatta a braccetto con la Carfagna, entra in consiglio regionale
Un particolare del manifesto elettorale della Carfagna e Diodato
Napoli – Galeotta fu una condanna a un anno e sei mesi per i disordini elettorali di Pianura del 13 maggio 2001. E’ l’election day, gli elettori hanno in mano diverse schede: per le politiche, le comunali, le circoscrizionali. Si formano file chilometriche, la gente protesta, qualcuno non riesce ad accedere ai seggi, teme di non riuscire a votare, sale la tensione, saltano i nervi, vengono forzati i cancelli per far entrare anche chi è rimasto fuori e il consigliere regionale Pdl Pietro Diodato, all’epoca consigliere comunale di Napoli, partecipa ai tafferugli e agli scontri contro la polizia. Per questa sentenza, diventata definitiva nel 2008 e condita dalla sospensione per cinque anni dei diritti elettorali, Diodato è stato dichiarato decaduto dal consiglio regionale della Campania e al suo posto è subentrato il primo dei non eletti, l’ex sindaco di Pozzuoli Pasquale Giacobbe.

Strano, però, che non se ne siano accorti prima. Perché la legge impone di dichiarare il proprio status penale al momento della candidatura. E perché Diodato, al momento della condanna, non era un privato cittadino qualsiasi: era consigliere comunale di Napoli in carica e pochi mesi dopo sarebbe entrato in consiglio regionale subentrando a un eletto in Parlamento. Nel dispositivo di condanna si legge che la pena è stata sospesa. Ma la sospensione non varrebbe per le sanzioni accessorie ai diritti elettorali e comunque questa sentenza è rimasta ignota per due anni e mezzo. E’ saltata fuori grazie a qualche mano malandrina che l’ha fatta circolare in forma di ‘velina’ nei giorni in cui il Pdl stava decidendo le candidature per le regionali. Gli annunci di formare liste pulite in Campania finiranno nel cestino: verranno farcite di condannati e inquisiti, ma fino a poche ore prima della chiusura della lista il nome di Diodato è l’unico tra quello con problemi giudiziari a non comparire nella bozza. Per protesta i suoi fans occupano la sede del Pdl campano in piazza Bovio. La contestazione cessa quando da Roma arriva la notizia che è tutto a posto: anche Diodato è stato candidato.

Seguirà una campagna elettorale fatta a braccetto con Mara Carfagna, sfruttando la legge elettorale campana che consente di esprimere due preferenze, purché di sesso diverso. Napoli viene tappezzata di manifesti che li ritraggono sorridenti e affiancati. Diodato conquista 28.000 preferenze e la presidenza di una commissione. Ma quella vecchia sentenza continuerà a inseguirlo. Un network locale, JulieNews di Lucio Varriale, ne fa oggetto di un’incessante campagna stampa. Il giornalista Giovanni De Cicco fa leggere in tv le intercettazioni tra Diodato e un suo parente con seri problemi con la giustizia, captate nell’ambito di un’inchiesta sui scontri per impedire la riapertura della discarica di Pianura nel gennaio 2008, quando Napoli era colma di rifiuti per le strade. Sono intercettazioni imbarazzanti. E quella condanna per i disordini elettorali del 2001 diventa un caso politico-giudiziario quando il nuovo prefetto di Napoli Andrea De Martino, venuto in possesso di copia del certificato penale di Diodato, chiede spiegazioni al consiglio regionale, invitandolo ad attivarsi. La giunta per le elezioni dà il via a una procedura che si conclude con il voto segreto dell’aula che ‘salva’ Diodato: secondo loro, la sospensione della condanna si allargherebbe anche alle sanzioni accessorie.

Ma il Comune di Minturno, in provincia di Latina, dove Diodato risiede (residenza che è finita nel mirino di un’inchiesta della Procura di Napoli che lo ha indagato per una storia di presunti rimborsi spese gonfiati), la pensa diversamente. E lo cancella dalle liste elettorali. Lo scrive in esclusiva De Cicco sul sito Internet di JulieNews. Ed è tutto vero. Il presidente del consiglio regionale, Paolo Romano, molto vicino a Cosentino, spedisce un messo a Minturno per acquisire la documentazione. E la giunta per le elezioni, stavolta, vota per la decadenza. Il consiglio ‘prende atto’ e dichiara decaduto Diodato senza nemmeno metterlo ai voti. Nello stesso giorno in cui la Carfagna, a pochi metri di distanza, depone in Procura come testimone sul caso Cosentino e sulle dichiarazioni rilasciate in un’intervista al Mattino, quando annunciò le dimissioni (poi rientrate) da ministro: “Prendo atto che la mia presenza è inutile, visto che mi viene impedita la possibilità di battermi a favore della legalità”. Sul caso Diodato, però, in questi mesi la ministra ha taciuto e non ha preso posizione. Né per difendere un candidato che ha contribuito in maniera rilevante al suo boom di 58.000 preferenze, né per prenderne le distanze.

“Mi sento vittima di un vile dossieraggio e protagonista di una situazione kafkiana – ha detto Diodato – e non intendo fare l’agnello sacrificale che ridà legittimità a un’assemblea elettiva che non mi sembra frequentata da soggetti con problemi giudiziari inferiori ai miei. C’è stata molta fretta e dai verbali della giunta per le elezioni si capisce inoltre che ci sono state pressioni di Romano e del segretario generale per un’accelerazione della vicenda che non mi ha dato la possibilità di difendermi. Sarebbero bastati venti giorni per l’esito dell’Appello contro la decisione del Comune di Minturno. Considero ciò che ho fatto un reato d’opinione, elettorale. So che pezzi del Pdl non mi sono amici, ma so anche che per me si sono spesi Gasparri e Quagliarello”.

Non finisce qui. La Procura di Napoli ha aperto un fascicolo. Dentro sono confluite le documentazioni relative alla candidatura di Diodato. Si vuole accertare se l’ex consigliere abbia o meno dichiarato la sua condanna. E se qualcuno lo abbia coperto in qualche modo.

Maltempo e neve a centro-nord

(ANSA) - ROMA, 30 GEN - Brutto tempo al centro nord, dove la neve cade a quote anche basse sull'Appennino ligure, piemontese e tosco-emiliano. Sulle autostrade e' stato attivato il piano operativo per garantire la circolazione, in collaborazione con la polizia stradale. Il centro ed il ponente di Genova sono fra le zone piu' colpite dalla neve, arrivata ieri sera in anticipo sulle previsioni. I vigili del fuoco sono intervenuti a liberare una trentina di clienti di un'osteria, che erano rimasti bloccati nel locale.

sabato 29 gennaio 2011

Harry Belafonte Day-O ( Banana Boat )

Tim Burton - Beetlejuice : L'esordio resurrection

Tim Burton - Beetlejuice : L'esordio resurrection

chi si ricorda di questo film?

Governo: Farinone(Pd), Ok Fioroni. Berlusconi e Fini Passo Indietro

(ASCA) - Roma, 29 gen - ''Concordo con chi nel Pd chiede di guardare ai moderati per uscire dalla crisi che ha attanagliato il Paese. E per far cio' bisogna che Berlusconi e Fini si facciano da parte, smettendola con questo litigio quotidiano che paralizza l'Italia''. Lo afferma il deputato del Pd Enrico Farinone, vicepresidente della Commissione Affari Europei. ''Bisogna lavorare in un'ottica di responsabilita', e per fare questo un'intesa con i moderati e' fondamentale. Mi auguro -conclude Farinone- che in tanti capiscano la necessita' di questo passaggio''.

Sanita': Morte Sospetta In Psichiatria, 5 Medici a Giudizio

(ANSA) - BERGAMO, 28 GEN - Il Tribunale di Bergamo ha rinviato a giudizio cinque medici del reparto di psichiatria degli Ospedali Riuniti della citta' con l'accusa di omicidio colposo, per la morte sospetta di un paziente, avvenuta circa cinque anni e mezzo fa. L'uomo, Luigi Salvi, 66 anni, fu ricoverato il 20 settembre 2005, in regime di trattamento sanitario obbligatorio, dopo essere stato fermato dai carabinieri per aver dato in escandescenze poco prima di un comizio di Romano Prodi. Continua a leggere questa notizia

Articoli correlati

Il giorno dopo l'uomo mori' per un arresto cardiaco e la famiglia sporse denuncia, chiedendo chiarezza sulle cause del decesso. Il caso, gia' archiviato, e' stato riaperto dopo un ulteriore esposto dei familiari di Salvi. Oggi il gup ha deciso per il rinvio a giudizio dei cinque medici, decretando il non luogo a procedere per due dottoresse del 118 e per un infermiere del reparto di psichiatria. (ANSA).

Ultim'ora

Sanita': Bimba Di 7 Anni Muore a Lodi, Orlando Chiede Relazione

(ASCA) - Roma, 29 gen - Il presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, Leoluca Orlando, chiedera' all'assessore alla Sanita' della Regione Lombardia, Luciano Bresciani, una dettagliata relazione in riferimento alla morte di una bambina di 7 anni deceduta il 27 gennaio all'ospedale Maggiore di Lodi. La piccola, spiega una nota della Commissione, era stata ricoverata nel reparto di Pediatria con dolori di pancia, per problemi gastrointestinali. Dopo l'aggravarsi delle sue condizioni, e' stata trasferita in rianimazione, ma ogni tentativo di salvarla e' stato vano. La Procura della Repubblica di Lodi ha aperto un'inchiesta. L'ipotesi di reato e' quella di omicidio colposo. ''La Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari - ha spiegato Orlando - intende acquisire una relazione con tutte le necessarie valutazioni sull'episodio, in ordine a eventuali disfunzioni organizzative o specifiche responsabilita' individuali, nonche' sui provvedimenti cautelari o sanzionatori eventualmente adottati. Ogni dato o notizia utile ad accertare l'effettiva dinamica dei fatti - ha concluso - sara' poi valutata, da questa Commissione, per eventuali ulteriori adempimenti di competenza''.

Davos: Lagarde, vicina svolta Ue

(ANSA) - DAVOS, 29 GEN - Wolfgang Schaeuble, Christine Lagarde e George Osborne, responsabili delle finanze di Germania, Francia e Gran Bretagna, hanno partecipato oggi al forum di Davos. Da Francia e Germania viene ribadito l'impegno per una svolta nell'applicazione rigorosa delle regole di bilancio per i paesi dell'euro. ''Stiamo remando nella stessa direzione e siamo determinati a portare a compimento il lavoro'', dopo che nel 2010 ''sono state infrante tutte le regole'', ha detto la Lagarde.

venerdì 28 gennaio 2011

Diritti tv Mediaset, processo Berlusconi riprende il 28 febbraio 

Articoli correlati


Lo riferiscono fonti giudiziarie. Sospeso in attesa del pronunciamento della Consulta, che lo scorso 13 gennaio ha annullato l'immunità automatica concessa dalla legge sul legittimo impedimento, il processo riprenderà dal punto in cui si era interrotto, perché a presiedere il collegio giudicante rimarrà il giudice Edoardo D'Avossa.
Il Csm ha infatti concesso a D'Avossa, nominato presidente del tribunale di La Spezia, una proroga di sei mesi rinnovabili per presiedere il processo Mediaset. Confermati anche i due giudici a latere, aggiungono le fonti.
Se uno dei tre giudici fosse cambiato, il processo sarebbe potuto ricominciare da zero e la sua conclusione per prescrizione del reato sarebbe diventata un'ipotesi molto concreta.
Il processo ha per oggetto la compravendita dei diritti televisivi e cinematografici con società Usa per 470 milioni di euro che sarebbe stata effettuata da Fininvest -- società di proprietà della famiglia del premier -- attraverso due società off-shore nel 1994-1999.
La procura di Milano ipotizza che major americane abbiano venduto i diritti alle due società off-shore, le quali li avrebbero poi rivenduti con una forte maggiorazione di prezzo a Mediaset allo scopo di aggirare il fisco italiano e creare fondi neri a disposizione di Berlusconi.
Tutti gli imputati negano ogni addebito.

ANNOZERO - Intervista alla mamma di Nadia Macrì - 27/01/2011

ANNOZERO - Intervista all'ex marito di Nadia Macrì - 27/01/2011

Vincere! Prima di Annozero - Annozero 27/01/11

ANNOZERO - Intervista al presunto fidanzato di Noemi Letizia

MARCO TRAVAGLIO - Vincere! - Annozero 27/01/11

MARCO TRAVAGLIO - Vincere! - Annozero 27/01/11

ANNOZERO - LA TELEFONATA DI MAURO MASI A SANTORO DURANTE LA DIRETTA - 27...

Chi Vuole Essere Milionario - Michela De Paoli risponde alla domanda num...

Metalmeccanici, oggi Fiom manifesta in tutt'Italia contro Fiat

Dopo il prologo di ieri dell'Emilia Romagna e di Bologna, con una manifestazione a cui ha partecipato anche il segretario della Cgil Susanna Camusso, oggi il sindacato dei metalmeccanici Fiom protesta per otto ore in tutta Italia a difesa del contratto unico di lavoro. Continua a leggere questa notizia

Articoli correlati


Al centro della mobilitazione della Fiom, la scelta della Fiat di stringere accordi separati che dettano le nuove condizioni di lavoro negli stabilimenti di Mirafiori e Pomigliano d'Arco, per applicare i quali il Lingotto ha costituito due nuove società che, non applicando il contratto nazionale, sono fuori da Confindustria.
Gli accordi prevedono maggiore flessibilità dei turni, degli orari, e dell'uso degli straordinari, inaspriscono le regole sulla malattia e limitano le pause. L'intesa su Mirafiori prevede poi che il sindacato non firmatario perda il diritto alla rappresentanza.
La protesta di oggi si si articola in scioperi e cortei in diverse città e davanti agli stabilimenti Fiat, a cui hanno dato il loro sostegno anche forze politiche come Sinistra Ecologia e Libertà, Federazione della Sinistra, Idv, Verdi ed esponenti del Pd.
A Torino, in mattinata, dice il sito web della Cgil, è stato organizzato un corteo che arriverà a piazza Castello. A Milano la manifestazione giungerà a Piazza Duomo, dove parlerà il segretario Fiom Maurizio Landini. In Veneto la manifestazione regionale sarà a Padova, mentre in Trentino Alto Adige sarà a Bolzano. A Genova la protesta sarà davanti alla Stazione Principe, mentre in Toscana il concentramento sarà a Massa, davanti alla sede della Eaton, una multinazionale di componentistica auto.
A Perugia le tute blu manifesteranno davanti alla locale concessionaria Fiat, nel Lazio l'appuntamento è davanti allo stabilimento Fiat di Cassino. In Abruzzo la Fiom ha organizzato una manifestazione a Lanciano, in Molise a Termoli.
In Campania il sindacato organizza la protesta a Pomigliano.
In Puglia il concentramento regionale è a Bari, in Nasilicata a Melfi, dove sorge un importante stabilimento della casa automobilistica, in Calabria a Vibo Marina, davanti all'impianto del gruppo Nuovo Pignone. In Sicilia la Fiom manifesta a Termini Imerese, "dove ha sede lo stabilimento auto che la FIAT intende chiudere a dicembre di quest'anno", dice la Cgil. In Sardegna, infine, il corteo è a Cagliari.
In contemporanea, oggi, si svolge uno sciopero generale promosso da Cobas e Cub di diverse categorie di lavoratori, tra cui quelli della scuola, con manifestazioni, hanno annunciato i Cobas, a Roma, Torino, Firenze, Genova, Pomigliano, Salerno, Palermo, Cagliari, Bari, Trieste e altre città.

giovedì 27 gennaio 2011

Il più grande Spettacolo dopo il bigbang - cd1 ORA - Lorenzo Jovanotti C...

Perugia: aereo da turismo disperso tra Umbria e Marche, ricerche in corso

Continua a leggere questa notizia
Perugia, 27 gen. (Adnkronos) - Sono in corso ricerche da parte dei vigili del fuoco e dei carabinieri di Perugia di un piccolo velivolo da turismo partito da Falconara e mai arrivato a Foligno, dove doveva atterrare. Le ricerche sono concentrate nella zona di Scheggia, al confine tra Umbria e Marche, ma sono rese particolarmente difficili dalla neve presente nella zona.

AddThis - The #1 Bookmarking & Sharing Service

AddThis - The #1 Bookmarking & Sharing Service

Movimento 5 Stelle: Il Programma

Giorno memoria, Berlusconi: non lasceremo soli ebrei

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha detto oggi, in un messaggio in occasione della giornata in cui si ricorda l'Olocausto, che l'Italia non lascerà "mai soli gli ebrei a combattere l'antisemitismo", e che " le radici giudaicocristiane sono alla base della nostra Civiltà". Continua a leggere questa notizia
Mentre si celebrano i 150 anni dell'unità italiana, Berlusconi ha scritto che "la nostra Civiltà e il nostro Paese devono molto agli ebrei", e anche per questo ha ribadito "un nostro impegno assoluto: noi non lasceremo mai soli gli ebrei a combattere l'antisemitismo".
Nel messaggio il premier ha detto che la "Giornata della Memoria", istituita nel 2000, "è un tributo doveroso alle vittime di quel tragico passato ma soprattutto un monito per il presente".
"Noi tutti sappiamo che nei confronti del razzismo e in particolare dell'antisemitismo non si può abbassare la guardia", ha scritto Berlusconi ricordando la recente pubblicazione su un sito americano di una lista di personalità italiane indicate come di origine ebraica e "da cancellare".
"Io sono convinto che con l'arma della verità e della cultura si possano vincere i pregiudizi antiebraici e ogni distorta lettura della Storia", ha affermato il premier, aggiungendo che "l'antisemitismo è un sentimento disumano e ignorante. Perché la persecuzione di un individuo e di una comunità è sempre ingiustificabile. Perché le radici giudaicocristiane sono alla base della nostra Civiltà e dunque odiare gli ebrei significa disprezzare se stessi".

mercoledì 26 gennaio 2011

EMILIO FEDE E PATRIZIA D'ADDARIO INTERVISTATI DA LUCIA ANNUNZIATA - In m...

ITALIA SGOMENTA: TRAFUGATO IL CORPO DI MIKE BONGIORNO

MAURIZIO CROZZA - Dalle squillo.... agli squilli in tv! La telefonata di...

Ballarò - IL CASO RUBY VISTO DAI MEDIA ALL'ESTERO - 25/01/2011

Salute: Fazio, Dosaggio Paracetamolo All'Esame Aifa 2 e 3 Febbraio

(ASCA) - Roma, 26 gen - Il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, in merito alle notizie diffuse da organi di informazione sulla raccomandazione della Food and Drug Administration di limitare il dosaggio di paracetamolo nelle compresse medicinali in commercio, rende noto che ''la problematica e' stata inserita per la valutazione nell'ordine del giorno della prossima riunione della Commissione Tecnico Scientifica dell'Agenzia Italiana del Farmaco programmata per i giorni 2 e 3 febbraio''.

Salute: l'esperto, con mani ben lavate -21% malattie respiratorie

da 5 ore 37 minuti
Adnkronos

Articoli correlati

Forum: Medicina
Roma, 26 gen. (Adnkronos Salute) - Per spezzare la catena di infezioni e malattie respiratorie si deve mettere in pratica un vecchio consiglio della nonna: bisogna lavarsi bene le mani. L'invito è stato confermato al termine del convegno svolto oggi a Roma, dal titolo 'Home Hygene, rischi infettivi, sicurezza a prevenzione negli ambienti domestici'. Secondo gli esperti, infatti, un lavaggio accurato delle mani riduce del 21% la frequenza di malattie respiratorie e del 31% quelle infettive intestinali.
A sostenerlo sono Carlo Signorelli, docente di Igiene e sanità all'università di Parma, e Cesira Pasquarella del Dipartimento di sanità pubblica dello stesso ateneo. "Spesso - osserva Signorelli - non ci si rende conto dell'importanza di lavarsi bene le mani. E' impossibile definire un numero minimo o medio di lavaggio delle mani, perchè spesso dipende dal tipo di lavoro o di circostanza. Le tecniche di un corretto lavaggio sono state illustrate da parte di vari organismi sanitari nazionali e internazionali".
L'esperto consiglia di intervenire quando le mani sono visibilmente sporche, prima e dopo i servizi igienici, dopo l'eliminazione di feci umane o animali, prima e dopo aver cambiato pannolini ai bambini e dopo aver utilizzato o manipolato alimenti, specialmente se crudi. Ma anche dopo starnuti o colpi di tosse, dopo aver toccato sangue o altri liquidi biologici, dopo aver allattato o dopo aver fatto giardinaggio.

Camorra, nuovo arresto per fratello superlatitante Zagaria

Carmine Zagaria, fratello del superboss latitante Michele, è stato arrestato dalla polizia a Cancello Arnone, in provincia di Caserta, come riferisce una fonte della Questura di Napoli. Continua a leggere questa notizia

Articoli correlati

Forum: Crimine organizzato
Gli agenti della Squadra mobile partenopea hanno eseguito un'ordinanza del Tribunale del riesame che ha ripristinato nei confronti di Carmine Zagaria, 43 anni, la custodia cautelare in carcere disposta lo scorso 17 marzo dal gip.
L'uomo è accusato di tentata estorsione aggravata nei confronti di un imprenditore edile che stava realizzando degli appartamenti in provincia di Ferrara.

Ultim'ora

Ruby,nuove carte a Camera,convocata Minetti. Premier: scandaloso 

La procura di Milano, che indaga sul premier Silvio Berlusconi per concussione e prostituzione minorile, ha inviato al presidente della Camera nuovi documenti a sostegno della richiesta di autorizzare la perquisizione di alcuni uffici del presidente del Consiglio. Nell'ambito della stessa inchiesta i pm inoltre hanno consegnato un invito a comparire per il consigliere regionale della Lombardia Nicole Minetti. Continua a leggere questa notizia
Minetti, indagata per induzione alla prostituzione, è stata convocata per l'1 febbraio prossimo ma deciderà nei prossimi giorni se presentarsi o meno davanti ai pm, come ha riferito il suo avvocato Daria Pesce.
"Non ho nulla da dichiarare su quello [le nuove carte], è tutto scandaloso", ha detto Berlusconi ai giornalisti nel tardo pomeriggio, uscendo dall'aula di Montecitorio dopo aver votato contro la mozione di sfiducia al ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi.
La notizia delle nuove carte arrivate da Milano a Montecitorio l'ha data nel primo pomeriggio con un comunicato stampa l'ufficio del presidente Gianfranco Fini, mentre la Giunta per le autorizzazioni si apprestava a riunirsi sul caso, provocando l'irritazione dei membri del Pdl perché non erano stati avvertiti prima.
Il presidente della Giunta, Pierluigi Castagnetti, ha aggiornato a domani mattina la seduta, per dare il tempo ai deputati membri di leggere entro questa sera il nuovo materiale.
Il procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, ha a sua volta spiegato in una nota le ragioni dell'invio delle nuove carte, circa 250 pagine che si aggiungono a quelle inviate alla Camera la settimana scorsa.
"In seguito alle perquisizioni effettuate a Milano il 14 gennaio 2011 e ad ulteriori atti di indagine, sono emersi nuovi elementi a sostegno dell'ipotesi che presso gli uffici di Giuseppe Spinelli si trovino atti e documenti relativi alle vicende di cui alla richiesta avanzata nella stessa data del 14 gennaio alla Camera dei Deputati di autorizzazione a eseguire la perquisizione degli uffici siti in Segrate", spiega Bruti Liberati.
"Questa procura ha ritenuto doveroso portare a conoscenza della Camera dei Deputati tali ulteriori elementi che emergono dall'invito per la presentazione di persona sottoposta a indagini notificato a Nicole Minetti", si legge ancora nella sua nota.
Secondo diversi membri della Giunta che hanno letto i nuovi atti, i pm hanno inviato verbali di perquisizioni, di intercettazioni telefoniche ed sms.
La procura di Milano ha perquisito il 14 gennaio scorso le abitazioni di diverse ragazze domiciliate al residence dell'Olgettina alle porte di Milano che avrebbero partecipato a feste del premier ad Arcore e quella della consigliera regionale Minetti, anch'essa una ospite affezionata delle serate.
Ma la polizia giudiziaria non ha perquisito gli uffici di Spinelli, il contabile di Berlusconi che per i pm avrebbe dato denaro in contante alle ragazze delle feste, perché sarebbero di pertinenza della presidenza del Consiglio.
Il premier è accusato di avere avuto rapporti sessuali a pagamento con una ballerina marocchina frequentatrice di alcune sue feste, Ruby, lo scorso anno, quando era minorenne, e di avere abusato della sua posizione per ottenere dalla questura di Milano il rilascio della ragazza, fermata per furto, e l'affido alla Minetti.
Berlusconi nega le accuse e Ruby ha dichiarato in televisione di non essersi mai prostituita con lui.
Intanto a Genova, nell'appartamento dove viveva Ruby, gli inquirenti hanno trovato appunti manoscritti relativi a somme ricevute dalla ragazza. Secondo una fonte giudiziaria, le cifre non sarebbero riconducibili - a differenza si quanto scrivono alcuni media - direttamente a Berlusconi, ma gli appunti con la contabilità dei soldi ricevuti vengono comunque ritenuti utili a sostegno delle accuse contestate al premier.
MINETTI FURIOSA CON BERLUSCONI IN INTERCETTAZIONI
Secondo Maurizio Paniz, membro del Pdl in Giunta, "non c'è nulla di nuovo, nulla che sposti il quadro che avevamo".
"La valutazione non si è spostata di un millimetro", ha detto Paniz ai giornalisti dopo una prima lettura dei nuovi documenti. "Del reato di concussione non c'è l'ombra e non sussiste nemmeno l'altro reato".
Di tutt'altro avviso Federico Palomba, dell'Idv, che uscendo dalla lettura dei nuovi atti ha detto: "Gli elementi forniti dagli inquirenti aggravano il quadro accusatorio. Emerge soprattutto che si sta sgretolando il giro di ragazze attorno al presidente del Consiglio, c'è molto nervosismo tra di loro e la percezione della gravità della situazione. Dai sequestri emergono poi elementi importanti sul possesso di denaro e gioielli delle ragazze dell'Olgettina".
Dalle intercettazioni emerge una Minetti furiosa con Berlusconi. Parlando di lui con una terza persona l'11 gennaio, come riferiscono due fonti parlamentari, la consigliera regionale dice: "C'è un limite a tutto, non me ne frega un c. se lui è il presidente del Consiglio e cioè .... Un vecchio e basta... Io non mi faccio pigliare per il c. così... si sta comportando da pezzo di m. ... Perché uno che fa così è un pezzo di m. Perché lui mi ha tirato nei casini in una maniera che solo dio lo sa.... In cui non ci sarei finita neanche se mettevo tutto l'impegno. Gli ho parato il c. e non si può permettere di fare così".
E ancora, in un sms inviato il 9 gennaio, Minetti - sempre secondo quanto riferito dalle due fonti - scrive: "Quando si cagherà addosso per Ruby chiamerà e si ricorderà di noi... adesso fa finta di non ricevere chiamate".
Gli avvocati di Berlusconi hanno consegnato ieri ai parlamentari della Giunta i risultati delle loro indagini difensive, con diverse interviste ai partecipanti alle feste del premier, tra cui la stessa Ruby, per smontare l'accusa di prostituzione minorile.
La maggioranza di governo ha detto che negherà l'autorizzazione alle perquisizioni chieste dai pm milanesi perché esiste un fumo di persecuzione. La Giunta darà il suo parere, forse già domani, ma sarà l'assemblea plenaria di Montecitorio a votare, probabilmente a scrutinio segreto.
Secondo una fonte politica del centrosinistra, l'invio delle nuove carte sarebbe una risposta dei pm milanesi all'offensiva mediatica di Berlusconi, che ha portato in televisione Ruby e altre ragazze a dichiarare che le feste di Arcore erano caste e che non si consumava sesso, men che mai a pagamento.

La ballata di una vergogna



Che cosa conviene?
Dare da bere a un animale che ha sete o che ha fame,dare in pasto la dignità a chi sempre risposta pronta ha!
Cosa conviene fare, a chi riempe le taniche di speranze o di farfalle..
Siamo stasera a danzare per il sole e ringraziare, e magari..fare l'amore!
Festeggiamo alle donzelle perché sono il master della situazione..balliamo finché è tempo amando anche la prostituzione!
Questa è la ballata del ringraziamento,tutti forzati per un regalo,dentro ad uno stanzino a far l'amore con felicità..
Illuminati e sacrificati,
Illuminati e sacerdotati non me ne vogliano i religiosi ma se capirete non mi odierete!
Che cosa conviene una mano che tocca lo stomaco o la verità che tocca l'orecchio?
Siamo l'italia e siamo l'ascolto di una società che sente uno sconvolto!
Batte e ribatte sempre - la stessa cosa..
 Batte e ribatte sempre - la stessa menzogna.
La luna per fortuna non ha diritto di parola!
Se questo puòbastare c'è anche chi fino adesso potrà coprire senza paure,giocando con il buon senso di quelle persone che dormono ancora!
Un saluto a tutti in una ballata chiedendomi,se ne vale la pena di danzare con la vergogna di guardarci allo specchio!
C.Anzalone 26.1.2011

L'INFEDELE, la replica integrale della puntata con la telefonata di Berl...

si sa le cose che fanno male vengono odiate perché fanno male!
Ma ditemi voi ci fa o fa finta?Come si fa a negare l'evidenza..noi Italiani si crede siamo così imbecilli da credere le ciacare???
ma non ci credono neanche all'estero!
penso che continueranno a deriderci sempre!

Telefonata di Berlusconi all'Infedele: insulta Gad Lerner e ordina alla ...

Federalismo, Calderoli: allo studio sblocco addizionali comuni

Per accogliere le richieste dei comuni, il governo sta studiando la possibilità di sbloccare "da subito" la facoltà di manovrare le addizionali Irpef all'interno del decreto sul federalismo municipale. Continua a leggere questa notizia
Lo ha detto il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli ieri in commissione Bilancio alla Camera secondo quanto riporta il bollettino dei lavori.
"Si sta studiando la possibilità di sbloccare da subito il potere di modificare l'aliquota dell'addizionale comunale all'Irpef", ha detto Calderoli secondo il bollettino.
Altra novità in arrivo è la definizione già nel decreto dell'aliquota Imu (imposta municipale propria), "senza prevedere il rinvio ad ulteriori atti normativi".
Il governo non sembra invece intenzionato a rivedere il regime di Tarsu (tassa sui rifiuti solidi urbani) e Tia (tariffa di igiene ambientale), anche se Calderoli dice che nel decreto saranno fissati "alcuni paletti da rispettare in sede di definizione della nuova normativa in materia".

Usa, Obama spinge ampliamento servizi wireless ad alta velocità

Nel discorso sullo Stato dell'Unione di ieri sera, il presidente Barack Obama ha lanciato un appello ad ampliare i servizi wireless ad alta velocità per venire incontro alla forte richiesta di consumatori e aziende, obiettivo che però potrebbe essere difficile dato che le onde aeree sono una risorsa limitata mentre la domanda è quasi illimitata. Continua a leggere questa notizia

Articoli correlati


"Entro i prossimi cinque anni, renderemo possibile per il business estendere la prossima generazione di copertura wireless ad alta velocità al 98% degli americani", ha detto Obama durante il discorso al Congresso Usa.
"Ciò non riguarda soltanto un Internet più rapido... Riguarda la connessione di ogni parte dell'America all'era digitale", ha detto il presidente, sottolineando che gli agricoltori nelle zone rurali possono vendere i loro raccolti all'estero e i medici possono parlare con i pazienti in video.
L'amministrazione Obama ha approvato la messa a disposizione nel prossimo decennio di 500 megahertz di spettro per rispondere alla crescente domanda di servizi a banda larga.
La Federal Communications Commission spera di ricavare 120 megahertz di onde aeree attraverso aste incentivate nelle quali emittenti tv come Cbs rinuncino volontariamente allo spettro in cambio di una percentuale sui profitti.
Ma il sistema tv Usa ha comunque espresso preoccupazione sulla cessione dello spettro. Un rappresentante del settore ha segnalato che le onde cedute due anni fa ancora non sono state completamente utilizzate.
"Vorremmo incoraggiare il Congresso a approvare immediatamente la legge relativa all'inventario dello spettro che identifichi completamente le onde radio che non vengono utilizzate", ha detto Dennis Wharton, un portavoce della National Association of Broadcasters.

martedì 25 gennaio 2011

LUCIANA LITTIZZETTO - CASO RUBY: "l'affare si ingrossa..." - Che tempo c...

Ultim'ora

Caso Ruby: Zanicchi, rimasta da Lerner per difendere premier e perche' libera
Continua a leggere questa notizia
Roma, 25 gen. - (Adnkronos) - "A parte che io sono una donna libera e faccio sempre quello che mi pare. Ma non che abbia voluto disubbidire al presidente. Al contrario ho creduto fosse meglio rimanere li' a ribattere. C'ero solo io a difenderlo contro cinquanta persone che lo attaccavano". Cosi' Iva Zanicchi, volto notissimo della musica italiana ed europarlamentare del Pdl, spiega all'ADNKRONOS la scelta di non lasciare ieri sera lo studio della trasmissione 'L'Infedele' di Gad Lerner, anche dopo che Silvio Berlusconi aveva concluso il suo intervento telefonico rivolengendole l'invito ad andarsene.

Governo: stasera Berlusconi riunisce vertici Pdl

da 8 minuti
Adnkronos (Pol-Gkd/Ct/Adnkronos)

Articoli correlati


Roma, 25 gen. (Adnkronos) - E' previsto per questa sera, a Palazzo Grazioli, un vertice dello stato maggiore del Pdl con il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. A quanto si apprende, alla riunione prenderanno parte i capigruppo del partito, i coordinatori nazionali e alcuni ministri. Non e' esclusa la presenza del Guardasigilli, Angelino Alfano. Il Cavaliere dovrebbe far ritorno a Roma nella tarda mattinata, in serata il punto sulla situazione politica con i vertici Pdl.

Stile vita Berlusconi, Bagnasco: cattivo modello per giovani

Lo stile di vita del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che emerge dallo scandalo Ruby è incompatibile con una carica pubblica, e mette a repentaglio l'immagine dell'Italia e il futuro delle nuove generazioni.
E' quanto sostiene il presidente dei vescovi italiani Angelo Bagnasco nella prolusione alla prima riunione della Conferenza episcopale italiana dopo la notizia che Berlusconi è indagato per prostituzione minorile.
Il discorso di 14 pagine non cita mai esplicitamente il premier ma lo stesso Bagnasco aveva detto che l'incontro avrebbe avuto al centro la vicenda politica del giorno.
"Chiunque accetta di assumere un mandato politico deve essere consapevole della misura e della sobrietà, della disciplina e dell'onore che esso comporta, come anche la nostra Costituzione ricorda", dice Bagnasco ricordando un commento del 2009, anno in cui la moglie di Berlusconi chiese il divorzio accusandolo di frequentare minorenni.
Dalle intercettazioni effettuate, dicono i giudici di Milano, emergono le prove che Berlusconi ha pagato molte prostitute e donne di spettacolo in cambio di sesso tra cui la diciassettenne marocchina Karima el Mahroug.
Verso il premier, che è anche l'azionista di riferimento di Mediaset, si ipotizza anche il reato di concussione per aver chiesto alla Questura di Milano il rilascio della ragazza marocchina fermata per furto.
Il premier ha respinto ogni accusa, rifiutato di incontrare i giudici e rilanciato l'ipotesi di un complotto dei magistrati nei suoi confronti per ribaltare l'esito delle elezioni con mezzi giudiziari.
Il capo dei vescovi mostra grande preoccupazione per il modello che emerge da "determinati spettacoli" anche se non tralascia le insidie per le nuove generazioni che vengono da chi, e qui il bersaglio sembra il centro sinistra, non riconosce il diritto alla vita e la famiglia basata sulla coppia uomo-donna.
DA CASO RUBY NESSUN VINCITORE
La critica ad un modello che rifiuta il sacrificio e la rinuncia è senza appello. Il "successo basato sull'artificiosità, la scalata furba, il guadagno facile, l'ostentazione e il mercimonio di sé" portano a un "disastro antropologico".
Ancora: "Se si ingannano i giovani, se si trasmettono ideali bacati cioè guasti dal di dentro, se li si induce a rincorrere miraggi scintillanti quanto illusori, si finisce per trasmettere un senso distorcente della realtà, si oscura la dignità delle persone, si manipolano le mentalità, si depotenziano le energie del rinnovamento generazionale".
Bagnasco riconosce che Berlusconi non è l'unico ad inquinare le acque e dice che "dalla situazione presente - comunque si chiariranno le cose - nessuno ricaverà realmente motivo per rallegrarsi, né per ritenersi vincitore".
"Troppi oggi, seppur ciascuno a modo suo, contribuiscono al turbamento generale, a una certa confusione, a un clima di reciproca delegittimazione", prosegue Bagnasco in un apparente riferimento anche all'opera dei magistrati.
"Si moltiplicano notizie che riferiscono di comportamenti contrari al pubblico decoro e si esibiscono squarci - veri o presunti - di stili non compatibili con la sobrietà e la correttezza, mentre qualcuno si chiede a che cosa sia dovuta l'ingente mole di strumenti di indagine."
SI FERMINO TUTTI
A un'altra tara del pensiero etico di Berlusconi - secondo il quale l'impenditore è a volte giustificato a evadere perché le aliquote fiscali sono troppo alte - sembra accennare Bagnasco quando plaude alla "crescente allergia" che si registra nei confronti dell'evasione fiscale.
"Chi fa il furbo non va ammirato né emulato. Il settimo comandamento, "non rubare", resiste con tutta la sua intrinseca perentorietà anche in una prospettiva sociale".
L'invito rivolto a tutti è di fermarsi.
"E' necessario fermarsi tutti in tempo, fare chiarezza in modo sollecito e pacato e nelle sedi appropriate [...]. Bisogna che nel suo complesso il Paese ringiovanisca, torni a crescere dal punto di vista culturale e quindi anche sociale ed economico, battendo i catastrofismi. Cambiare in meglio si può e si deve".
Anche Bagnasco, come la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia ieri, sollecita il governo a occuparsi dei problemi dell'economia e dell'occupazione.
"E' obiettivo inderogabile l'avvio delle riforme annunciate, applicandosi in un'ottica puntigliosamente coinvolgente tutte le forze politiche, ciascuna seconda la misura intera nella parte assegnata dai cittadini".

Caffè

Caffè
il caffè della serata...il primo e l'ultimo

Sii la stella che nascesti e non morire per compiacere agli altri!

Cerca di fare una cortesia a te stesso mentre sei vita:sii cortese con te stesso ,senza andare a ricercare solo la cortesia della tua mente negli altri persoddisfare solamente ogni mezzo di comodo che saranno nocive per la tua anima e il tuo spirito.
Cerca con tutte le tue forze, di non essere la copia di un altro ,solo per farti piacere da altri..
Ogni individuo è una stella a se che brilla insieme ad altre stelle incessantemente;per ogni stella una luminosità distinta!
Se il tuo fascio di luce è grande perché devi soffocarlo solo per il desiderio di assomigliare a un altro fascio?
Pensaci!

Verso il senso dell'umanità (il pensiero)

Verso il senso dell'umanità (il pensiero)

Il primo stadio dell'amore ,è come un diamante grezzo da poter raffinare con gli anni,diventando sempre di più cosciente che l'amore non è solo sesso o mirabile visione, trasformandolo in quell'assurdo innamoramento visivo!

Arrivi al punto che t' innamori di una persona non per l'aspetto ma per quello che è la persona stessa per il fascino che sa regalarti insieme al tutto che per te fa parte di quel mondo in cui ci stai bene.

C.Anzalone

Energia innata

Il pensiero positivo fa parte di quell'energia che abbiamo in noi come sorgenti d'acqua infinite con la quale possiamo dissetare e dissetarci chiedendo con gioia il permesso a Dio (energia positiva assoluta universale) e lui ti disseterà con amore...segui il tuo credo!

Il pensiero positivo, è l'energia della natura...
Lasciati andare tra le braccia di questo tramonto,siete tu e la natura..
Non pensare a nulla che ti faccia stare male...pensa positivo cercando di stare bene con se stessi e con gli altri.
Cogli quell'energia positiva e sorridi..
Cogli la tua energia positiva e pensa che non sei mai solo quando sei con te stesso..
Non lasciarti convincere da chi ti vorrebbe sminuire, perché il tuo cammino lo scegli tu e non gli altri!
Incomincia ad essere l'amico/a di te stesso/a e fidati di più delle tue energie benevole..
Dissetati nella sorgente di Dio, chiedendogli il permesso con gioia e lui ti disseterà con amore perché ti ama!

Adesso respira e sorridi quello che vedi è tuo e di chi sa apprezzare con quella dose di umiltà..
Questa è la sorgente di energia della tua vita..
Il tuo pensiero positivo ne fa parte come fontanelle che sprizzano gioia!
C.Anzalone